EmergenteChef ed EmergentePizza, le selezioni nord: chi passa alla finale.

C’è sempre un bel po’ di agitazione tra i giovani che si cimentano in questa contesa. Pur essendo tutti abituati a vivere quotidianamente la cucina e i suoi ritmi, l’atmosfera del concorso è diversa. Non c’è il filtro della sala che serve, le cucine non sono quelle dove si lavora e sono condivise, si è soli col piatto che si è scelto di preparare, con materie prime fissate dal regolamento. A volte prevale il lato estetico, a volte l’essenzialità, altre ancora la semplicità un po’ troppo costruita. L’impegno si è sentito, sia nei cuochi che nei pizzaioli ai quali è stato chiesto di preparare l’impasto in loco, scegliendo tra le farine a disposizione. Ho potuto partecipare alla prima giornata dedicata ai cuochi e alla seconda per EmergentePizza; due categorie sì diverse ma che della ristorazione sono i pilastri. Di seguito trovate la classifica, chi è passato e chi no. Mi piacerebbe però sottolineare che, pur regnando ai fornelli, i ragazzi di cucina prestassero più attenzione all’abbinamento del piatto col vino, a volte non troppo azzeccato pur avendo disposizione una certa varietà di etichette. Più attenti a questo aspetto i pizzaioli, sostenitori del vino e pizza. Al di là dei complimenti che ognuno dei concorrenti indubbiamente merita, che sia ‘passato’ oppure no, ho apprezzato tra i cuochi: Orfeo Brentaro del Ristorante Incarne Speakeasy, per la competenza sulla materia carne e Vittorio Cappeluzzo del Piccolo Lago per gli equilibri e la mano sicura dei piatti. Sempre secondo il mio gusto personale la pizza di Antonio Fusco del Dry Milano era perfettamente calibrata senza essere troppo carica di condimenti, nonostante il tema fosse la creatività. Ma sarà che io tifo sempre per il ‘Less is more’…

EMERGENTECHEF ED EMERGENTEPIZZA: I VINCITORI DELLA SELEZIONE NORD 2025 DEL PREMIO UNDER 30  – 18 -19 giugno 2024  Maestro Martino Academy presieduta dallo chef Carlo Cracco Villa Terzaghi – Robecco Sul Naviglio (MI) 

Si è conclusa la Selezione Nord dell’edizione 2025 del premio EMERGENTE Chef & Pizza per il terzo anno consecutivo a Villa Terzaghi, sede della Maestro Martino Academy presieduta dallo chef Carlo Cracco. Scopriamo i 4 finalisti di entrambe le categorie!
I giovani chef del nord Italia che hanno passato il turno sono: 

  • –  Luca Belotti del ristorante Bolle* a Lallio (BG), Lombardia. 
  • –  Vittorio Cappelluzzo del ristorante Piccolo Lago** a Verbania, Piemonte. 
  • –  Erion Fishti del Leschär Restaurant a Zurigo, Svizzera. 
  • –  Alessandro Pacchioni del ristorante Cavallino a Maranello (MO), Emilia-Romagna. 

Sull’altro fronte, il mondo pizza, che sempre più si sta avvicinando al mondo della cucina per creatività e competenza, ha eletto i finalisti di EmergentePizza Nord 2025, che sono: 

  • –  Francesco Catapano della pizzeria Le Coccinelle a Valle Antrona (VB), Piemonte. 
  • –  Antonio Coppola della pizzeria Fratelli Coppola a Milano, Lombardia.
  • –  Antonio Fusco della pizzeria Dry Milano a Milano, Lombardia 
  • –  Mohamed Fawzi Elsaye Elnagar della pizzeria Wemà a Torino, Piemonte. 

EmergentePizza Nord si è svolto in due momenti: martedì 18 giugno i concorrenti hanno presentato la loro idea di Pizza Margherita con l’unica indicazione di utilizzare uno o più dei pomodori de “La Fiammante” e il basilico genovese dell’azienda “Il Pesto di Prà”, ma al contempo hanno dovuto preparare l’impasto rigorosamente a mano con le farine di “Le 5 stagioni” di fronte ai giudici tecnici per la loro pizza creativa, la prova prevista per il giorno successivo, che prevedeva la scelta di uno o più salumi di Levoni nel topping. EmergenteChef Nord 2025 si è svolto in due batterie indipendenti, una il martedì e la seconda il mercoledì. Ogni giovane chef ha presentato alla giuria due ricette che richiedevano l’utilizzo di alcuni dei prodotti dei partner. La prima giornata è stata dedicata all’utilizzo dei tagli di carne del Consorzio di Tutela Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale e ai tartufi e i suoi prodotti di San Pietro a Pettine, mentre la seconda, ha avuto come focus principale i branzini di Aquanaria.  Un ringraziamento allo chef Danilo Massa dell’Osteria DaMa a Piode in Valsesia che si è reso disponibile a preparare lo Spaghettone ai pomodori “Fiammante”, basilico e toma ai tre latti, durante il lunch break del primo giorno. Molto gradito anche il Tortello di carbonara con ricotta umbra e maiale Etrusco Carni, cicoria e lingotto di tartufo nero pregiato di San Pietro a Pettine, preparato in occasione della seconda giornata dallo chef di Tenuta San Pietro a Pettine, Francesco Monarca.  Al termine delle gare di mercoledì 19 giugno, presso il TOG Bistrot di Milano della Maestro Martino Academy diretta dallo chef Carlo Cracco, si sono svolte le Premiazioni, il brindisi finale e il buffet realizzato con l’aiuto dello chef resident di Villa Terzaghi, Federico Urbani. Parte del ricavato del bistrot e delle iniziative di catering solidale sono finalizzate a sostenere le attività della Fondazione TOG e i percorsi didattici per facilitare, attraverso la ristorazione, l’inserimento nel mondo del lavoro dei ragazzi della fondazione. Infatti, proprio in quest’occasione, sono stati consegnati i diplomi di fine anno agli studenti che hanno partecipato all’edizione 2023/2024 della Maestro Martino Food Academy, per un momento di celebrazioni per i risultati raggiunti. 

I premi speciali:
Oltre ai finalisti sopra citati, sono stati assegnati alcuni premi speciali. EmergenteChef Nord 2025: per la categoria EmergenteChef sono stati assegnati tre premi per ogni batteria. Il premio “miglior pane”, assegnato in collaborazione con Agugiaro & Figna Molini, è stato assegnato il primo giorno a Christian Uboldi del ristorante Conca Bella a Vacallo (CH), Svizzera e in occasione della seconda giornata a Roberto Suevo del ristorante Il Moro a Monza, Lombardia.  Il premio “sostenibilità”, in collaborazione con Cantine Vite Vis, è stato assegnato il primo giorno ad Amedeo Ricciardo del ristorante Borgo Sant’Anna* a Monforte d’Alba (CN), Piemonte e per la seconda batteria ad Andrea Silvestri del ristorante Atelier Moessmer Norbert Niederkofler*** a Brunico (BZ), Trentino Alto-Adige.  Il premio “miglior pairing”, sempre in collaborazione con Cantine Vitevis, è stato vinto da Agnese Loss del ristorante Osteria Contemporanea a Gattinara VC, Piemonte e da Marco Guiducci del ristorante Gellivs* a Oderzo (TV), Veneto.  EmergentePizza Nord 2025: per la categoria EmergentePizza, invece, i premi assegnati sono stati cumulativi dei due giorni. Il premio “pizzaiolo del cambiamento”, in collaborazione con Le 5 Stagioni, è stato assegnato a Gabriele Baruzzi della pizzeria Rock dal 1978 a San Faustino di Bione (BS), Lombardia. Infine, il premio “miglior pairing”, in collaborazione con Cantine Vite Vis, è andato a Fabio Furini della pizzeria Ostu a Poirino (TO), Piemonte.
Gli altri partecipanti della Selezione Nord di EmergenteChef 2025 sono stati: 

  • –  Francesco Alati del ristorante Havana a San Michele al Tagliamento (VE), Veneto. 
  • –  Orfeo Brentaro del ristorante Incarne Speakeasy a Bonferraro di Sorgà (VR), Veneto. 
  • –  Federico Costa del ristorante Civico 4 a Tortona (AL), Piemonte. 
  • –  Alessandro Di Giacomo del ristorante Vignamare a Andora (SV) Liguria. 
  • –  Mirko Pacifico del ristorante NIN a Brenzone sul Garda (VR), Veneto.

I partecipanti della Selezione Nord di EmergentePizza 2025 sono stati: 

  • –  Gabriele Romano della pizzeria Napoletano a Cermenate (CO), Lombardia. 
  • –  Alessandro Raffaele della pizzeria Le Cinque Stelle a Vercelli, Piemonte. 
  • –  Beatrice Venturi della pizzeria Il Mulino dal 1936 a Bisano (BO), Emilia-Romagna. 
  • –  Gabriele Baruzzi  della pizzeria Rock dal 1978 a San Faustino di Bione (BS)

PARTNER DELL’EVENTO: Acetaia Giusti, Agugiaro & Figna Molini, Ambrogio Sanelli, Aquanaria, Consorzio di Tutela Vitellone Bianco Appennino Centrale, Il Pesto di Prà, Ferrarelle, Forni Valoriani, Filicori Zecchini, Goeldlin, Guffanti Formaggi, Koppert Cress, La Collina dei Ciliegi, Le 5 Stagioni, Levoni, Opera Olei, Pallini, Polibox, San Pietro a Pettine, Vitevis. EMERGENTE è un format che prevede una serie di gare dedicate ai vari settori della ristorazione ed ospitalità, comprende oltre ad EmergenteChef, EmergentePizza, anche EmergenteSala, EmergentePastry. In quasi 20 anni di competizioni ha lanciato tantissimi talenti che ora sono diventati i protagonisti indiscussi della ristorazione e dell’ospitalità italiana VILLA TERZAGHI è la sede istituzionale del progetto didattico promosso dall’Associazione Maestro Martino presieduta dallo chef Carlo Cracco. È un laboratorio che svolge un’attività continua e sistematica in cui far coinvolgere esperienze, riflessioni e testimonianze da cui trarre spunti per la ristorazione del futuro. La Maestro Martino Food Academy, promossa dall’Associazione culturale Maestro Martino, presieduta dallo chef Carlo Cracco, promuove dal 2011 gli studenti più meritevoli provenienti dai migliori istituiti alberghieri attraverso la formazione. L’Academy opera attuando due modelli che perseguono due differenti finalità: un modello didattico e uno sociale. Il modello didattico viene messo in atto attraverso l’attività di due ristoranti (Villa Terzaghi e Tog Bistrot) e quattro laboratori di produzione. Parliamo di veri e propri ristoranti aperti al pubblico in cui gli allievi vengono coinvolti nella gestione attiva di tutte le funzioni operative supportati da professionisti, sia di management che di sala e di cucina. Attraverso la formazione la Maestro Martino Food Academy svolge anche una funzione sociale ponendosi un duplice scopo: formare gratuitamente gli studenti meritevoli e facilitare, attraverso la ristorazione, l’ingresso al mondo del lavoro a persone con disabilità. Un ringraziamento speciale a tutti partner dell’evento che hanno contribuito alla sua realizzazione, ai concorrenti, a tutti i giurati, agli ospiti presenti e allo staff della Maestro Martino Food Academy, sempre disponibile come nelle edizioni passate. 

Il futuro della sala è già qui: i vincitori dell’edizione 2024 di EmergenteSala2024

Era la mia prima volta a EmergenteSala. Dopo aver partecipato a EmergenteChef e EmergentePizza, ho avuto la possibilità di vivere, grazie a Witaly Editore – vale a dire i formidabili Lorenza Vitali e Luigi Cremona, la finale della sfida in sala. Della Sala che ha ceduto il passo alla cucina, non importa se stellata e quanto oppure priva di astri cartacei, si è detto tanto, tantissimo. Vitali e Cremona hanno il merito di aver concepito e organizzato, anno dopo anno, una manifestazione che, prima ancora di essere tale, è vera prova per i protagonisti. Una macchina perfetta che non ha lasciato spazio nemmeno agli odierni temporali improvvisi. Nessuna spettacolarizzazione da programma tv ma per i concorrenti solo l’uso delle proprie risorse professionali in un contesto non consueto, che non è poca cosa. Emergente perché l’età limite è 30 anni, Sala perché ancora l’Italia soffre a causa di questa componente essenziale della ristorazione. Veniamo alla disfida: otto finalisti, quattro del nord e altrettanti del centro sud, una Cena di Gara al Derby Grill dell’Hotel de la Ville di Monza, dove ad ognuno dei contendenti è stato assegnato un tavolo per l’intero servizio. Al Teatrino della Villa Reale, splendido seppur non ancora completamente restaurato, la prova del giorno seguente: presentazione di sé e risposte veloci a secche domande. I Finalisti si sono qualificati nelle due Selezioni: la prima – il Nord – a novembre 2023 svoltasi al Merano WineFestival e la seconda – Centro-Sud – svoltasi a gennaio 2024 a Palazzo Valentini a Roma.

– Angela Magnolo del ristorante Bivium dell’Hotel Six Senses 5*L a Roma, Lazio.

– Carla Barone del ristorante Fattoria delle Torria Modica (Ragusa), Sicilia.

– Giorgio Manni del ristorante Pulejo* a Roma, Lazio.

– Italo Da Ponte del ristorante Origine a San Gemini, Umbria.

– Alessia Rivano del ristorante Hostaria Ducale a Genova.

– Alessandro Scarsi del ristorante Trattoria Contemporanea* a Lomazzo, Lombardia.

– Andrea D’Alonzo del ristorante Il Fenicottero Rosa a Faenza, Emilia-Romagna.

– Gianluca Grossi del ristorante Glam** a Venezia, Veneto.

i vincitori Alessia e Alessandro

Gli invitati alla Cena e giurati della ‘prova orale’ sono stati scelti tra i professionisti del settore: giornalisti, sommelier, direttori di sala di altissimo livello e critici gastronomici, senza dimenticare i produttori partner, con domande tecniche sulla presentazione e l’approfondimento della conoscenza del prodotto, del servizio in genere e anche personali. Una platea, dunque, da far tremare i polsi. I ragazzi, bisogna riconoscerlo, sono stati tutti molto bravi; soprattutto per la voglia di mettersi in gioco anche con il giusto pizzico di vivace intraprendenza. Due i vincitori: Alessia Rivano del ristorante Hostaria Ducale di Genova e Alessandro Scarsi del ristorante Trattoria Contemporanea di Lomazzo. Temperamenti diversissimi tra loro ma accomunati da una vittoria ex aequo non prevedibile. Puntuale, moderata, accogliente e con alle spalle anni di estero lei, sempre rivolta all’attento e gentile incontro con l’ospite; molto sicuro di sé, a tratti forse non troppo misurato lui, preparato, competente e molto centrato sul locale dove opera. Due modi di concepire il servizio in sala cui si aggiungono quelli degli altri sei concorrenti; chi l’ha declinato in un approccio più familiare, chi ha puntato più sulla simpatia e chi ancora è consapevole di avere ancora una lunghissima stata da percorrere ma è determinato a farlo.

Un aspetto che si è intuito da certe presentazioni ma che, a mio personale giudizio essendo l’Italia un paese a forte richiamo turistico non è stato messo troppo in rilievo, è la capacità di esprimersi correntemente in più lingue straniere. Il francese dei maîtres di sessant’anni fa forse non è più così utile seppur ancora basilare in alcune preparazioni di sala, tuttavia almeno due altre lingue oltre la propria sarebbero d’obbligo, senza se e senza ma. Aggiungo anche una ulteriore considerazione, suggerita da un’altra ‘giurata’ e subito da me condivisa: utile potrebbe essere un confronto tra giurati prima dell’espressione finale del voto, perché ognuno di essi fornisce una personale lettura dei ragazzi nella prova orale che potrebbe aprire ad altre sfumature. Chiudo sottolineando la piacevolezza di aver incontrato di persona visi conosciuti solo attraverso i social, ma sono state strette di mano che confermano le affinità. Alla prossima.

Qui di seguito trovate tutti i dettagli della manifestazione:

MAIN PARTNER: BrianzAcque.

PARTNER: AlfaCarni, Agraria del Garda, Agugiaro & Figna Molini, Ambrogio Sanelli, Avignonesi, , Castello Monte Vibiano, Cascina Gallina, Famiglia Cotarella, Forno Del Mastro, Filicori&Zecchini, Frantoio Sant’Agata D’Oneglia, La Fiorida, La Collina dei Ciliegi, Pedemontis, Tartuflanghe, The King Fish Company, Tenuta San Leonardo, Tenute Pagano, Villani Salumi.

EMERGENTESALA è l’unico evento realizzato in Italia focalizzato sull’accoglienza e servizio di Sala, il settore della ristorazione che forse sta più soffrendo per la scarsità di vocazione e poca qualità dell’offerta.

WITALY Editore di Lorenza Vitali e Luigi Cremona è proprietaria del brand EMERGENTE e realizza da tempo i contest EmergenteChef, EmergentePizza, EmergentePastry e più in generale da un ventennio mette in valore il mondo del lavoro dei giovani.

CONSORZIO VILLA REALE E PARCO DI MONZA: Costituito il 20 luglio 2009 per valorizzare il Complesso monumentale Villa Reale e Parco di Monza. Ha tra le sue finalità: garantire la conservazione, il recupero e la valorizzazione del complesso monumentale ed ambientale della Villa Reale di Monza, del Parco Reale e relative pertinenze; concorrere allo sviluppo della ricerca scientifica e delle competenze imprenditoriali, universitarie, professionali e di comprovato valore tecnico scientifico; promuovere ed ospitare attività culturali in partenariato con enti pubblici e privati operanti in Italia e all’estero.

HOTEL DE LA VILLE: Gestito dalla famiglia Nardi dalla fine degli anni ’50 (4 generazioni di albergatori), l’Hotel de la Ville è l’albergo più esclusivo della Brianza, situato proprio di fronte alla Villa Reale di Monza e affiliato alla prestigiosa catena Small Luxury Hotels of the World. In un ambiente ricercato, fra arredi del ’700 e insolite collezioni d’antiquariato, Luigi, Tany e Francesco Nardi fanno dell’ospitalità una vera e propria forma d’arte: le 70 camere, suddivise tra l’edificio storico, la palazzina di fine Ottocento e la dépendance in stile Liberty, sono arredate con estrema raffinatezza e curate nei minimi dettagli. Da sempre considerato la “casa” dei piloti di Formula 1 durante il Gran Premio d’Italia, accoglie al suo interno il rinomato ristorante fine-dining Derby Grill, guidato dal talentuoso chef Fabio Silva.

www.hoteldelaville.comwww.derbygrill.it

A Monza la Finale di EmergenteSala 2024

Domenica 19 con la Cena di Gara presso l’Hotel de la Ville e Lunedì 20 Maggio all’interno della Villa Reale, le due giornate di prove che decreteranno il miglior giovane professionista di sala in Italia. EmergenteSala è l’unico evento realizzato in Italia focalizzato sull’accoglienza e servizio di Sala, il settore della ristorazione che forse sta più soffrendo per la scarsità e poca qualità dell’offerta. WITALY Editore di Lorenza Vitali e Luigi Cremona è proprietaria del brand EMERGENTE e realizza anche i contest EmergenteChef, EmergentePizza, EmergentePastry e più in generale da un ventennio mette in valore il mondo del lavoro dei giovani.

Dopo aver superato le selezioni di Nord e Centro Sud, arrivano in finale Alessia Rivano del ristorante Hosteria Ducale a Genova, Liguria – Alessandro Scarsi del ristorante Trattoria Contemporanea* a Lomazzo, Lombardia – Andrea D’Alonzo del ristorante Il Fenicottero Rosa a Faenza, Emilia-Romagna –Gianluca Grossi del ristorante Glam** a Venezia, Veneto – Angela Magnolo del ristorante Bivium presso Hotel Six Senses 5*L a Roma, Lazio – Carla Barone del ristorante Fattoria delle Torri a Modica, Sicilia – Giorgio Manni del ristorante Pulejo* a Roma, Lazio e Italo Da Ponte del ristorante Origine a San Gemini, Umbria.

La sala purtroppo è sempre in rincorsa rispetto alla grande preponderanza della cucina, anche se un convivio può dirsi perfetto solamente quando le due componenti sono di pari livello. Spesso ricordiamo più volentieri un locale nel quale siamo stati accolti con professionalità e gentilezza, nonostante la cucina proposta non fosse straordinaria, rispetto ad una grande esperienza a tavola ma priva di cortesia, competenza e mestiere. Ben vengano quindi queste sfide che fanno crescere i futuri protagonisti di sala, indipendentemente dal risultato finale.

Focaccia di Recco: a fine maggio un weekend tra assaggi, sfide e laboratori per bambini.

Affaticati da Cresime, Matrimoni, Comunioni e cerimonie varie? Desiderosi di relax, buon cibo e clima finalmente dolce? Stringete i denti ancora per qualche giorno, Recco e la sua meravigliosa Focaccia organizzano sabato 25 e domenica 26 maggio la Festa della Focaccia di Recco. Un vera e propria festa durante la quale gli storici panificatori Moltedo e Tossini distribuiscono gratuitamente decine di migliaia di porzioni, nei vari punti della città. Sabato 25 ‘I Piccoli Focacciai’, un centinaio di alunni delle scuole elementari, prepareranno la loro prima focaccia col formaggio; del resto c’è chi riceve il battesimo del cavallo o del volo, qui si fa quello della focaccia. Domenica 26, invece, dalla mattina alle 10 fino alle 11,30 assaggi di focaccia con e senza cipolle mentre al pomeriggio dalle 14,30 alle 17,30 ci si potrà scatenare con gli assaggi della Focaccia di Recco col formaggio IGP. Sempre di domenica, per i più ardimentosi, sono previste due sfide: la prima, alle ore 12, consiste nel mangiare più rapidamente possibile 300gr di focaccia normale e focaccia con le cipolle.

La seconda, per i focaccia lovers livello Pro volutamente a coppie (da comporre liberamente), prevede il trangugiamento di una intera teglia di Focaccia di Recco col formaggio IGP dove, quando il primo della coppia non ce la fa più, cede la teglia al secondo. Le iscrizioni sono sempre centinaia ma vengono estratte solo 10 coppie, supportate da uno sfrenato tifo da stadio.

Per tutte le informazioni vi rimando al sito www.focacciadirecco.it

Cavatelli e pomodorini secchi

Fidatevi, i cavatelli sono facili da fare. Se li ho fatti io vi assicuro che può farli chiunque. Allora vediamo come e cosa serve. Gli ingredienti sono per due persone, una porzione di circa 50 grammi di pasta (sono stata abbondante nel sugo) per più persone è sufficiente moltiplicare. Ho usato solo la farina, volendo potete aggiungere una crema di asparagi, o rape rosse o curcuma. Se aggiungete una crema calcolate un po’ più di farina perché l’impasto non deve risultare morbido, ma lavorabile. Per il condimento ho semplicemente aperto il frigo e deciso cosa usare. Può essere un sugo di olive e acciughe, o con dei pomodorini saltati, quello che preferite o che avete in casa.

Cosa serve per i cavatelli: farina di semola di grano duro 100 gr, acqua 50 gr.

Cosa serve per il condimento: 10 pomodorini secchi sott’olio, mollica di pane casereccio, una fetta di capocollo (se vi piace), olio extravergine.

Come si fa: impastate la farina di semola con l’acqua fino ad ottenere un impasto non morbido ma lavorabile. Lasciatelo riposare per 15/20 minuti. Una volta finita la ‘pausa’ prelevate una piccola porzione e, facendola scorrere sul piano di lavoro (non infarinato) sotto le mani, formate un filoncino sottile e possibilmente di diametro costante. Tagliatelo a pezzetti di circa 1 cm. Con il tarocco (una spatola tagliapasta) premete sul pezzetto in senso diagonale in modo da ottenere un arricciatura. Non è complicato, più difficile a spiegarlo che a farlo. Continuate fino alla fine della pasta. Io li ho preparati alla sera e cucinati il giorno dopo ma li potete cuocere anche subito.

Mettete nel tritatutto i pomodorini con la mollica di pane, se leggermente secco è meglio, e il capocollo. Frullate e aggiungete olio.

Cuocete in abbondante acqua salata i vostri capolavori di cavatelli e, nel frattempo, in una padella fate scaldare il vostro condimento, aggiungendo olio se serve e qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta per renderlo più cremoso. Regolate di aromi e sale come preferite. A cottura quasi ultimata scolate i vostri cavatelli (ho usato la schiumarola) e finite di cuocere. Sui tempi di cottura a non mi pronuncio perché preferisco la pasta al dente.

Non vi resta che servire, se vi va del pecorino e via a tavola.

Tremate, tremate…le Casalinghe son tornate

Quante volte, tutti, abbiamo pronunciato la fatidica frase ‘ci arriva anche la casalinga di Voghera’? Siate sinceri e ammettete di averlo detto almeno una volta nella vita. Le Casalinghe di Voghera son tornate davvero, sono diventate 2.0 (son certa che presto andranno oltre questa riduttiva numerazione) e sono ufficialmente rinate come Associazione il 23 ottobre 2023. Archiviati prontamente tutti gli stereotipi legati alla nomea ma mantenendone intelligentemente il nome, le casalinghe sono rinate: meno casalinghe e più donne professionalmente attive in tutti i campi, riunite e tesserate in questo bel gruppo che non trascura, anzi, il lato conviviale. L’obiettivo della Casalinga2.0 è quello di contribuire a far “brillare” la sua città. Come? Creando opportunità di aggregazione con proposte didattiche e culturali per trattenere e attirare in città ma anche per divulgare Voghera laddove la Casalinga sarà invitata o farà visita “brandizzando” locali, prodotti e servizi che la Casalinga frequenterà o utilizzerà. Un pensiero anche a futuri “gemellaggi” italiani ed esteri, magari proprio ripartendo dalle città gemelle di Voghera: tanti piccole iniziative che comunque permettono alla microeconomia di girare.  Gli aperitivi, ricorrenti e programmati nei locali della città di Voghera, sono il momento di aggregazione delle associate ma non solo; alla base c’è il desiderio di far conoscere la città, i suoi luoghi e le sue peculiarità, provocando un risveglio culturale, didattico e perché no anche enogastronomico. Non dimentichiamo che Voghera è 50 Sfumature di Pinot Noir, è patria del salame e soprattutto del Peperone che, non a caso, è appoggiato sui tavolini dell’aperitivo delle Casalinghe, come segno distintivo. Voghera è una città godibilissima, vale sicuramente la visita ma vale soprattutto l’aperitivo delle casalinghe 2.0, da non perdere la prossima data: giovedì 30 maggio dalle 18,30 presso il Bar Bandirola, di via Garibaldi, un piccolo tempio della musica: c’è un piano e sarà utilizzato da Natalya una Casalinga 2.0, pianista e insegnante di musica.

Lucilla Ortani, neo presidente, vi invita non solo ad incontrare le Associate per un aperitivo ma soprattutto ad essere partecipanti attivi e iscritti. Per iscriversi è sufficiente inviare una mail a info@lacasalingadivoghera2punto0.it oppure si può passare in sede, presso il Coworking70 di via Emilia, 70, si compila la domanda di iscrizione che una volta avvallata da almeno tre associate diventa effettiva. La quota associativa è sempre di €. 25 annue, analoga a quella dell’Associazione storica che ha cessato di esistere.  Vi e ci aspettano.

Lonza, patata viola e mela

Che mi riescano bene oppure no, ogni tanto faccio esperimenti. Non credo che questa “ricetta” sia nulla di nuovo; immagino anzi che plotoni di foodblogger abbiano già fatto, fotografato e postato decine di preparazioni simili. Io, che, foodblogger non sono ci arrivo solo ora. Quindi:

Cosa serve: un pezzo intero di lonza, patata viole, mela o mele, aromi che preferite, un paio di cucchiai di olio extravergine, circa 2/3 etti pancetta affettata sottile (la quantità dipende dalla grandezza della vostra lonza), carta da forno, un forno, una padella antiaderente.

Come si fa: ho preso il foglio di carta da forno, l’ho bagnata e l’ho strizzata, poi ricoperta dallo strato di pancetta. Una volta fatto questo, ho avvolto il pezzo di lonza e poi l’ho legato stretto stretto, come un qualsiasi arrosto. Ho spennellato molto leggermente di olio (o burro, come preferite) una pentola che va in forno prima di sistemarci la piccola mummia. Ho preso la patata viola (o batata che dir si voglia), l’ho lavata per bene e l’ho tagliata a piccoli pezzi; stesso procedimento per la mela. Per le quantità regolatevi come credete, io avevo più l’una dell’altra, quindi mi sono arrangiata con le proporzioni a disposizione. Ho messo tutto in una padella antiaderente, con due cucchiai di olio extravergine, e poi fuoco basso e coperchio.

Scegliete gli aromi da aggiungere che vi piacciono di più, contando che la base è abbastanza dolce; io ho usato timo, maggiorana, rosmarino, pepe, sale, peperoncino e paprica dolce, secondo i miei gusti. Continuate a far cuocere fino a quando patata e mela si sfaldano, poi frullate tutto; a me era risultato un composto un po’ denso per essere una salsa quindi ho diluito con del brodo di carne che avevo già pronto. A cottura ultimata, ho lasciato raffreddare la lonza, l’ho affettata e rimessa ad insaporire nella pentola con il condimento generato dalla pancetta (se preferite saltate questo passaggio), poi ho servito tutto con la salsa calda di patata e mele. Ci vediamo al prossimo esperimento

Guida Touring Alberghi e Ristorati d’Italia 2024

Sono passati decenni ma in quanti ci ricordiamo le Guide Rosse Touring? Fin dalla iniziale ideazione questa opera, seppur divisa inizialmente per gruppi di regioni, ha accompagnato i viaggiatori nella scoperta del nostro paese, risposta tutta italiana alle pubblicazioni straniere. Sono passati decenni, le guide di ogni tipo – dalla ristorazione al viaggio a costi contenuti – si sono moltiplicate frammentandosi in settori ed interessi ben definiti. La Guida Touring ha sempre mantenuto fede alla sua principale peculiarità: parlare dei nostri territori, di cosa vedere e gustare: dai luoghi, alle strutture, alla ristorazione. Di ristoranti e di cuochi stellati sono tante le pubblicazioni che ne parlano; questa, da più di trenta edizioni, racconta di posti dove stare bene, della accoglienza, dei prodotti e della loro trasformazione in una sosta di gusto. Gli itinerari presentati in questa edizione sono 58 lungo i quali si trovano suggerimenti di botteghe enogastronomiche, pizzerie, ristoranti, cantine, enoteche, caseifici, forni, pasticcerie ed aziende agricole. Trovano posto anche i paesi segnalati con Bandiera Arancione così come le tante strutture selezionate nelle piccole eccellenze dell’entroterra, certificati dal Touring Club Italiano.

Gli instancabili curatori, Teresa e Luigi Cremona, hanno posto una attenzione particolare verso i giovani, attraverso il premio Top di Domani: quattro i giovanissimi cuochi che si sono distinti per talento, curiosità, spiccata personalità e sensibilità nell’esercitare la propria professione. Guido Paternollo executive chef del Pellico 3 presso il Park Hyatt di Milano, Irina Stratan sous chef de La Paterna a Giavera del Montello, Giulio Gigli chef e fondatore di UNE a Foligno, Dario Pandolfo che di Cala di Luna a Cefalù: quattro ispirazioni di cucina diverse ma tutte molto interessaouringnti.

Ultimo dettaglio, nella guida è presente anche una sezione Electric friendly per che si muove in elettrico. La guida ha 800 pagine e un costo di € 22,00.

Grignolino: il nobile ribelle – Grazzano Badoglio 15/17 marzo

Promossa dall’Associazione Italiana Sommelier (AIS) Piemonte, in sinergia con il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, il Consorzio Colline del Monferrato Casalese, l’Associazione Produttori di Grignolino d’Asti Doc e Piemonte Doc Grignolino, e l’Associazione Monferace questa manifestazione offre un’esperienza immersiva nel mondo del Grignolino raccontandone le numerose sfaccettature, i territori e le tecniche di vinificazione e maturazione che lo caratterizzano. Quella del 2024 è senza dubbio un’edizione che si farà ricordare per il grande risalto dato ai giovani produttori del territorio, proprio in virtù del carattere innovativo e orientato al futuro che anima e muove tutte le realtà che si fanno ambasciatrici di questo vitigno indomito. A riprova di ciò, nella masterclass di venerdì 15 marzo che si terrà alle ore 15 presso la sala superiore del ristorante il Bagatto di Grazzano Badoglio, sono state coinvolte soprattutto aziende di giovani produttori che negli ultimi anni si hanno avuto per un forte impegno in termini di innovazione e ammodernamento, sia in vigneto che in cantina. Domenica 17, durante l’aperitivo in musica “Note Ribelli” animato dal gruppo Jazz Refound, in degustazione anche i vini delle Sbarbatelle, movimento al femminile che riunisce giovani produttrici italiane under 35, accomunate dalla passione e dalla volontà di esaltare la diversità di ogni regione nel pensare e produrre vino. In linea con le novità di quest’anno,  anche un particolare banco d’assaggio, che sarà presente solo sabato e domenica dalle 12.00 alle 14.30 come temporary desk, dal tema “Il Grignolino nel tempo”. Si tratta di un vero e proprio viaggio nel passato, dedicato ad alcune annate storiche che 30 aziende produttrici presenteranno per comprendere le potenzialità e il carattere evolutivo del vitigno.

Se, dopo aver appagato il palato con masterclass e degustazioni, avete voglia di conoscere il territorio, il Monferrato offre infinite possibilità di visita tra borghi e castelli:  il Castello Alfieri, Rocca Grimalda, la città di Acqui Terme, il Castello di Gabiano con il suo labirinto, Casale Monferrato sono solo alcune delle possibili mete comode da raggiungere per immergersi nei vigneti e nella storia. 

A questo link trovate tutte le informazioni sulla manifestazione

EVOE’ FESTIVAL dell’Arte Gastronomica e dei Prodotti di Eccellenza: a Recco la seconda edizione

Il meteo è favorevole, le giornate saranno sicuramente miti, perché non approfittare per conoscere e gustare prodotti superlativi? La manifestazione si svolge a Recco, in Piazza Nicolosio, da sabato 16 a domenica 17 marzo. Numerosi gli appuntamenti, gli assaggi e gli show cooking in diretta dal palco allestito di fronte al palazzo comunale. Non mancherà la Focaccia di Recco IGP che, nel dubbio, da sola vale il viaggio.  Questi i produttori coinvolta in questa seconda edizione, cui si aggiungono anche prodotti IGP e DOP: Cascina Fornacia azienda agricola di Pastorino Antonella Sciroppo di rose, conserve di rose – Zafferano dei Giovi di Riccardo Risso – Zafferano e prodotti derivati: caramelle e biscotti – Azienda agricola Vincavacca Formaggi di latte Cabannina – Barbieri Sergio di Barbieri Piero & C. Nocciole Misto Chiavari crema spalmabile e pasticceria secca – I Tesori Di Levante di Mattia Tullio  Antichi ortaggi – Gli orti di Cortino Antichi ortaggi – Genta Emanuele Antichi ortaggi – Azienda Agrituristica Zafferano di Rosso di Daniel Fida Curry /Tesoro liquore allo zafferano – Azienda Agricola Dolce Fiorita di Altemani Simone Formaggi di latte Cabannina.

Un piccolo mercato straordinario di prodotti DOP e IGP e certificati, vere eccellenze gastronomiche riunite a Recco per questo speciale evento:

Azienda Agricola Bricco della Croce di Cessole (AT)  Roccaverano DOP – Salumificio Grossetti  I Salumi DOP Piacentini – Corte dell’Oca e Salumeria Nicolino  Salame d’Oca IGP  Mortara – Azienda Agricola Botto  Ricaldone (AL) Brachetto d’Acqui DOCG – Cantina La Torre  Castel Rocchero (AT) Brachetto d’Acqui DOCG – Cantina MURAGNI  Rossese di Dolceacqua DOC  Dolceacqua (Imperia) – Calcagno Società Agricola  Basilico Genovese DOP e pesto genovese Celle Ligure (SV) – Azienda agricola Il BEY – Vini della Riviera di Ponente  (Imperia) – Frantoio Oleario F.lli Badaracco  Olio extra vergine Recco (GE)

Questo il programma: Dalle ore 15,00 COOKING SHOW degli CHEF GENOVESI

Ristoratori che esibendosi dal vivo svelano i segreti delle loro professioni in un affascinante viaggio nel mondo della cucina regionale. 

Sabato 16 marzo ore 15/18,00

1.     Murena Suite di Genova – chef Cristiano Murena 

2.     Boccondivino di Chiavari  – chef Israel Feller con la sous chef Giulia Basso 

3.     Manuelina di Recco – chef Giulia Sicano e Francesco Giurato

4.     Zupp di Genova –chef Paolino Paolo Ferralasco

5.     Da Ö Vittorio di Recco – chef Federico Bisso

6.     Presidente Regionale Federazione Italiana cuochi – Chef Alessandro Dentone 

7.     Trattoria Erbe di Genova – chef Umberto Squarzati

Domenica 17 marzo ore 15 /18,00

1.     Bruxaboschi di San Desiderio (Genova) – chef Matteo Losio

2.     Trattoria Il Genovese di Genova) chef Roberto Panizza

3.     Trattoria dell’Acciughetta di Genova ) – chef Simone Vesuviano e Matteo Rebora

4.     Insolita Zuppa ristorantino di S. Margherita Ligure (Ge) – chef Margherita Olivieri 

5.     Le Cicale di Genova – chef Matteo Costa 

6.     Trattoria La Cambusa di Santa Margherita Ligure (Ge) – chef Luciano De Angelis 

7.     Ristorante AC Hotel di Genova – chef Daniel Nevoso

8.     Super Show Cooking di EVOÈ:  Il “Fuori CAMPIONATO”, di pesto al mortaio …

Esibizione semi-seria di pesto al mortaio dei cuochi di EVOÈ Festival. Competenza e preparazione si mescoleranno alla follia gastronomica di un goliardico gruppo di cuochi colleghi ed amici. Al termine succederà qualcosa, ma per saperlo bisogna esserci.

Chiusura delle due giornate con la preparazione della Focaccia di Recco col formaggio IGP e degustazione con le attività consorziate: Fabrizio Passano del Ristorante Alfredo, Alberto Olivari per il ristorante Angelo, Marco Mura per il ristorante Da Lino, Federico Bisso per Da ö Vittorio, Massimo De Ferrari e Nico Quartulli per il Ponte – Francesco Giurato per Manuelina, Lorenzo Moltedo per il Panificio Moltedo G.B, Stefano e Mauro Conti per il Panificio Moltedo 1874, Agostino, Massimo e Luigi Revello per la Focacceria Revello di Camogli.

Per tutte le altre informazioni: https://www.focacciadirecco.it